A Signura - Val di Suro
219
portfolio_page-template-default,single,single-portfolio_page,postid-219,qode-quick-links-1.0,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-theme-ver-11.1,qode-theme-bridge,wpb-js-composer js-comp-ver-5.1.1,vc_responsive

A Signura

Il monastero di Gibilmanna, abbarbicato su Cefalù, fu edificato da Papa Gregorio Magno in onore della patrizia romana Silvia, sua madre. Dal 590 d.C., ‘A Signura, guardando Mare e vitigni ha assistito all’avvicendamento degli Arabi e poi dei Normanni. Pare che una notte del 1530 un vecchio frate salvò dai flutti una Madonna lignea che, portata quassù a dorso di mulo, ancora protegge i grappoli colmi di sole siculo e vento marino. Vinificato con cure speciali, A’ Signura, sa di racconti bisbigliati sotto le pergole, di minerali in un suolo fecondo; reca essenze speziate, sentori di campo, di bacca bianca e mela; sorsi briosi di uno Chardonnay d’eccellenza.

Tipo: Bianco
Ubicazione dei vigneti: Cefalù (PA)
Varietà: Chardonnay 100%
Natura del suolo: Argilloso – Calcareo
Sistema di allevamento: Spalliera
Rendimento medio: 50 hl / ettaro
Vendemmia: Manuale
Maturazione: In acciaio
Produzione annuale: 20000 bottiglie 0,75 l
Note di degustazione:Aroma intenso con sfumature minerali, frutta esotica e fiori di campo,corposo, brioso e fresco.
Colore: Giallo paglierino lumino con riflessi ramati
Naso: Note di pesca gialla matura, miele d’acacia e pasta di mandorle.
Palato: Note di pera, frutti bianchi, pompelmo,limone e marzapane.
Abbinamenti: Tutti i piatti a base di pesce e crostacei
Temperatura di servizio: 10/14° C